Congregazione Universale Santa Casa

Dummy Image

Il Messaggio della Santa Casa di Loreto

La Congregazione Universale della Santa Casa fu fondata nel 1883 dal vescovo di Loreto Tommaso Gallucci e affidata alla direzione dei frati cappuccini. La sua finalità primaria è quella di promuovere con ogni mezzo la devozione e la conoscenza della Santa Casa e il decoro del suo Santuario.

Il primo direttore è stato p. Pietro da Malaga, che ha realizzato opere mirabili. La Congregazione è stata arricchita dai pontefici di molti privilegi. Coloro che vi si iscrivono usufruiscono di alcuni importanti benefici spirituali, che possono essere estesi anche ai defunti. Si può iscrivere una singola persona, viva o defunta, e una famiglia di vivi o di defunti, o di vivi e di defunti insieme, oppure un gruppo (associazione, confraternita...). I benefici spirituali sono i seguenti:

Indulgenza plenaria. Paolo VI, tramite la Penitenzieria Apostolica, con Rescritto del 3 dicembre 1968, modificando il precedente regime in materia, ha concesso l’indulgenza plenaria a chi si iscrive alla Congregazione il giorno dell’iscrizione e il 10 dicembre di ogni anno, festa della Madonna di Loreto. L’indulgenza vale tanto per i vivi quanto per i defunti, dato che nel Rescritto non è espressa alcuna restrizione a riguardo. Le condizioni sono: confessione e comunione entro un tempo di circa 15-20 giorni prima o dopo il giorno dell’iscrizione o della festa del 10 dicembre; preghiere secondo l’intenzione del Sommo Pontefice (per esempio: un Padre Nostro e un’Ave Maria); promessa di essere fedeli agli impegni della Congregazione, i quali consistono in sostanza nel vivere cristianamente. L’acquisto dell’indulgenza plenaria non comporta la visita «locale» del santuario, per cui può acquistarla anche chi fa l’iscrizione da un qualsiasi luogo. Per questo non è necessaria la recita di un Credo e di un Pater.

Partecipazione alle Messe Perpetue. Gli iscritti partecipano in perpetuo ai benefici spirituali di una messa che si celebra ogni giorno, alle ore 8, nel Santuario di Loreto. Anche in questo caso possono essere iscritti tanto i vivi quanto i defunti.

Partecipazione alle preghiere e alle opere di bene che si compiono nell’Ordine dei cappuccini. Nel 1884 fu stipulata una convenzione tra il vescovo di Loreto Tommaso Gallucci e il ministro generale dell’Ordine dei cappuccini p. Bernardo d’Andermatt, il quale, nel renderla nota in una lettera del 1° novembre di quell’anno, dichiarava: «Il ministro generale rende partecipi in perpetuo tutti coloro che si iscrivono o si iscriveranno a questa Congregazione di tutte le buone opere e dei suffragi che, per misericordia di Dio, si compiono nell’Ordine dei cappuccini».

Gli iscritti alla Congregazione, a partire dal 1883, sono milioni e milioni. Già nel 1898 essi, sparsi in ogni parte del mondo cattolico, erano saliti a oltre due milione e cinquecento mila! Ancora oggi vi si iscrivono numerosissimi da ogni Paese cattolico. Spesso, alla morte di una persona cara o in particolari difficoltà di un familiare o di una persona amica molti chiedono l’iscrizione, che può essere effettuata direttamente negli uffici della Congregazione o per posta, anche elettronica. L’iscrizione prevede, per chi lo desidera, anche l’Affidamento o Consacrazione alla Madonna di una persona vivente, con il godimento degli stessi benefici.

La Congregazione cura la rivista del Santuario: Il Messaggio della Santa Casa (in lingua italiana) e The Shrine of the Holy House (in lingua inglese), molto apprezzata per i suoi servizi sulla spiritualità, sul culto mariano, sull'arte e sulla vita del Santuario.

Cura e promuove gli studi e le pubblicazioni sulla storia e sull’arte del Santuario.

Presso la Congregazione Universale è possibile:
» richiedere informazioni
» prenotare guide turistiche
» abbonarsi alla rivista
» iscriversi alle messe perpetue
» acquistare libri e oggettistica varia inerente al Santuario

Rivolgersi a:

Congregazione Universale Santa Casa 60025 Loreto AN
Tel: 071 970104
Fax: 071 9747176
E-mail: santuarioloreto@tin.it