Statuto del Centro Studi Lauretani

DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA

Art. 1. – L’Arcivescovo Delegato Pontificio per il Santuario della Santa Casa di Loreto, è il fondatore dell’organismo denominato "Centro Studi Lauretani"

Art. 2. – La sede del Centro Studi Lauretani è istituita presso l'Archivio Storico della Santa Casa in Loreto (AN) - Piazza della Madonna n. 1.

Art. 3. - Il Centro Studi Lauretani ha durata illimitata, ma, in relazione all’impossibilità di conseguimento dello scopo o di altro motivo ritenuto plausibile ad insindacabile giudizio del Consiglio di Amministrazione della Delegazione Pontificia, esso potrà essere sciolto con delibera dello stesso Consiglio di Amministrazione su proposta dell’Arcivescovo Delegato Pontificio.

SCOPO

Art. 4. – Il Centro Studi Lauretani si propone la promozione e la diffusione, con metodo scientifico, degli aspetti teologici, spirituali e culturali legati al Santuario Internazionale della Santa Casa di Loreto. Tali finalità vengono perseguite attraverso l'organizzazione di conferenze, seminari, convegni aperti al pubblico, l'allestimento di corsi di studio per la formazione e l'aggiornamento, la programmazione e la realizzazione di ricerche, pubblicazioni scientifiche, scambi culturali a livello nazionale e internazionale, borse di studio, la raccolta, per metterlo a disposizione della pubblica consultazione, di materiale bibliografico e tutto quanto possa favorire la promozione e la diffusione del patrimonio artistico, culturale e spirituale del Santuario Internazionale della Santa Casa di Loreto.

Art. 5. – I settori di interesse del Centro Studi Lauretani sono:

  • la Storia legata alla vita del Santuario Internazionale della Santa Casa;
  • la Mariologia;
  • le Arti figurative (architettura, scultura e pittura), la letteratura e la musica legate al Santuario Internazionale della Santa Casa;
  • il Culto mariano-lauretano: liturgia, devozione e diffusione nel mondo. Per il raggiungimento del proprio scopo e per una migliore ed efficace realizzazione dei suoi progetti, il Centro Studi Lauretani potrà instaurare collaborazioni o stipulare convenzioni con Facoltà Teologiche, Atenei Universitari o altre Istituzioni Culturali.
  • Il Centro Studi Lauretani non ha alcun fine di lucro.

ORGANI

Art. 6. - Sono organi dell'Associazione:

  • il Presidente;
  • il Consiglio Direttivo;
  • il Direttore;
  • il Comitato scientifico;

PRESIDENTE

Art. 7. - Presidente del Centro Studi Lauretani è l'Arcivescovo-Delegato Pontificio per il Santuario della Santa Casa di Loreto pro-tempore. Il Presidente ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione nei limiti e con le previsioni dei poteri allo stesso attribuiti con la procura generale ricevuta dalla Santa Sede o conferiti dal Consiglio di amministrazione della Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto.
Il Presidente convoca e presiede il Consiglio Direttivo.

CONSIGLIO DIRETTIVO

Art. 8. - Il Consiglio Direttivo è composto da numero 5 membri nominati dall’Arcivescovo Delegato Pontificio.
Essi durano in carica tre anni e sono riconfermabili.
Sono membri di diritto del Consiglio Direttivo, il Direttore e l’Archivista.
Il Consiglio Direttivo ha funzioni di indirizzo dell'attività del Centro Studi Lauretani.
Inoltre, il Consiglio Direttivo, nell’ambito della specifica attività svolta dal Centro Studi Lauretani, predispone un bilancio preventivo dei singoli progetti o delle attività che riguarderanno l’intero esercizio e che comporteranno evidenze economico/finanziarie a carico della Delegazione Pontificia del Santuario della Santa Casa, che dovranno essere sottoposte all'approvazione del Consiglio di Amministrazione della stessa Delegazione Pontificia.
Il Consiglio Direttivo esprime altresì il proprio parere sul programma scientifico di attività del Centro Studi, predisposto dal Comitato scientifico.
Il Consiglio Direttivo redige, infine, un rendiconto consuntivo dei costi sostenuti o dei ricavi realizzati, da sottoporre all'esame del Collegio dei Revisori della Delegazione Pontificia e all'approvazione del Consiglio di Amministrazione.
Il Consiglio Direttivo, infine, delibera su ogni altra questione che non competa ad altri organi del Centro Studi Lauretani.
Il Consiglio Direttivo si costituisce con la presenza di almeno la metà dei componenti in carica e delibera a maggioranza assoluta dei presenti.
In caso di parità di voto prevale il voto del Presidente.
Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente ogni qual volta egli lo ritenga opportuno. Deve inoltre essere convocato quando ne faccia richiesta un terzo dei suoi componenti entro un mese dal giorno in cui la richiesta giunge al Presidente.

DIRETTORE

Art. 9. - Il Direttore è nominato dall’Arcivescovo Delegato Pontificio ed è membro di diritto del Consiglio Direttivo e del Comitato scientifico.
Egli resta in carica tre anni ed è riconfermabile.
Il Direttore convoca e presiede il Comitato scientifico e sovrintende al funzionamento generale del Centro Studi Lauretani.

COMITATO SCIENTIFICO

Art. 10. - Il Comitato Scientifico è composto da studiosi competenti nei settori di interesse del Centro Studi Lauretani indicati all’art. 5.
I membri del Comitato Scientifico sono eletti dal Consiglio Direttivo privilegiando la scelta di personalità scientifiche di provata esperienza.
Al Comitato scientifico compete la predisposizione del programma scientifico delle attività del Centro Studi Lauretani tra quelle previste all’art. 1, da presentare per la valutazione al Consiglio Direttivo, nonché di svolgere, caso per caso, le funzioni di consulenza che, per il buon funzionamento del Centro Studi, gli sono richieste dagli altri organi del Centro Studi stesso.
Il Comitato scientifico entro il mese di settembre predispone il programma scientifico di attività del Centro per l'esercizio successivo e lo presenta al Consiglio Direttivo.
Il Comitato scientifico delibera, se non è diversamente specificato, a maggioranza assoluta, con la presenza di almeno un terzo dei suoi componenti.
Il Comitato scientifico si riunisce almeno una volta all'anno su convocazione del Direttore, con lettera spedita ai componenti almeno dieci giorni prima della data fissata per l'adunanza.
Esso deve inoltre essere convocato quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei suoi membri, entro due mesi dal giorno in cui la richiesta giunge al Direttore.

RENDICONTO ECONOMICO FINANZIARIO

Art. 11. - L'esercizio finanziario si chiude il 31 dicembre di ogni anno.
Il Consiglio Direttivo redige, entro il mese di febbraio, la relazione sull'attività e il rendiconto economico finanziario dell'esercizio precedente e predispone, entro il mese di settembre, il preventivo delle attività che si intendono porre in essere nell'esercizio successivo. Tali documenti dovranno essere sottoposti all'approvazione del Consiglio di Amministrazione della Delegazione Pontificia.

ENTRATE

Art. 12. - Per il suo funzionamento e per l'esercizio delle sue attività il Centro Studi lauretani si avvale:
a) dei fondi stanziati dalla Delegazione Pontificia;
b) dei contributi delle donazioni e dei lasciti versati da Enti pubblici o privati o da singoli;
c) del ricavato dalla vendita di pubblicazioni del Centro Studi e da ogni altra attività svolta dallo stesso.

GRATUITA' DELLE CARICHE

Art. 13. - Tutte le cariche previste nel presente statuto sono onorifiche e non possono dar luogo a compensi od emolumento alcuno.
L'Arcivescovo Delegato Pontificio potrà a sua discrezione riconoscere eventuali rimborsi spese sostenute dai suddetti componenti per le prestazioni offerte.

* * *

Art. 14. - L'attività del Centro Studi Lauretani dovrà svolgersi in armonia con quanto disposto al Capitolo 5 del Regolamento della Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa e conseguentemente di concerto con l'Archivista dell'Archivio Storico della Santa Casa, membro di diritto del Consiglio Direttivo.

Art. 15. - Il presente Statuto avrà durata triennale ad experimentum.